30/09/13

Diversamente berlusconiani


Alfano ha tuonato:"Non ci intimidite!". "Sarò diversamente berlusconiano!".
E tutti ad interrogarsi cosa potesse significare questa frase, sulla bocca del cortigiano più cortigiano di tutti, l'uomo dei lodi Alfano, colui che non esisterebbe neppure se non fosse stato innalzato personalmente dal Dio Silvio, prima che lo sputtanasse dicendo che "non ha il quid".
Come si può essere diversamente berlusconiani?
Per esempio: "sono un evasore onesto!". Mmmh, puzza di ossimoro.
Oppure:"sarò un affidabile traditore!". Sa un po' di giuda iscariota.
"Un affettuoso violentatore". No.
"Un romantico misogino". No.
"Un liberista comunista". No, troppo diversamente.
"Un innocente condannato". Vabbé, questa e' emulazione diretta.
"Un patriottico golpista". Ci siamo quasi.
"Un demagogo antipopulista". Vabbé, tutti dicono di esserlo e poi sono entrambi.
"Un virile smidollato". No.
"Un assessuato trombatore". Beh, ho un sacco di amici che non distinguono i due livelli della realtà.
Insomma, Angelino, ci dica cosa intende per diversamente berlusconiano, in un partito che è composto da un unico sovrano ed un gruppo di mantenuti. Ci suggerisca come potrebbe Lei essere Alfano, o Brunetta Brunetta, o la Santanché Santanché, se non foste stati elevati a rango dal condannato Cavaliere Silvio Berlusconi. Chi sareste? Cosa fareste?
Mi creda: Le conviene continuare ad essere berlusconiano e basta.
Altrimenti si dissolverà in un peto.
Haldeyde

3 commenti:

magocamillo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
magocamillo ha detto...

Quando Berlusconi lancia un bastoncino a Dudù e Alfano lo riporta scodinzolante.
Questo, significa essere diversamente berlusconiani.

maria grazia tormenti ha detto...

Ah ah ah, concordo appieno con Mago Camillo!
Buona giornata a tutti!