30/12/11

Il vello di Sara


La nuova pasionaria scilipotiana (o scilipottana, o scilibottana) è a caccia disperata di visibilità.
Dimenticati i fasti dell'Isola dei Famosi, quando ancora era famosa per il visetto grazioso (e due significativi globi mammari di tutto rispetto), la bella Sara è tornata in auge per ben più misere apparizioni alle cene di Arcore e nei verbali dei giudici, per via di imbarazzanti e poco edificanti intercettazioni.
Ma eccola apparire al fianco di quel genio politico che risponde al nome di Scilipoti, il re dei peones, come lui stesso ama autoincensarsi (forse perché non ha capito che non si tratta di complimento, ma di un epiteto da intendersi al pari di guitto, servo, leccaculo, subdolo, voltagabbana, giuda, mercenario, prezzolato, lacché, valletto, sicofante, fellone, apostata doppiogiochista e tanti altri).
Così, dopo un servizio a mutande calate di fronte ad un bancomat, per protestare contro la manovra di Monti, ed un altro tentativo di apparire in tutto il suo pelo di fronte alle telecamere di Chiambretti (che però l'ha scacciata in tempo, cosa che non gli è riuscito di fare con Sgarbi), la bella e un po' sfatta Sara sta cercando di rifarsi una verginità televisiva e forse anche politica.
Pensavamo di aver raggiunto il peggio con l'attuale Parlamento.
E invece si può fare di più.
Coraggio, bella e un po' sfatta Sara! Te lo meriti anche tu un bel ministero.
Haldeyde

2 commenti:

magocamillo ha detto...

Semplicemente splendida.
Questa volta ti sei superato.

Haldeyde ha detto...

Grazie Mago! E Buon Anno a te e famiglia.