13/08/10

Vuvuzela dell'attività di governo

"Capo, abbiamo finito i megafoni"
"Allora usate le vuvuzelas, cribbio!"

E a proposito dell'imbarazzo degli ex AN che prendono le distanze da Fini per la gaffe della casa (di 60 mq) a Montecarlo, facciamo un esercizio di memoria, aiutati dal sito http://www.berluscastop.it/_und/silvio_it2.htm

Nel 1973 Silvio Berlusconi acquista da Annamaria Casati Stampa di Soncino, ereditiera minorenne della nota famiglia nobiliare lombarda rimasta orfana nel 1970, la settecentesca Villa San Martino ad Arcore, con quadri d'autore, parco di un milione di metri quadrati, campi da tennis, maneggio, scuderie, due piscine, centinaia di ettari di terreni. La Casati è assistita da un pro-tutore, l'avvocato Cesare Previti, che è pure un amico di Berlusconi, figlio di un suo prestanome (il padre Umberto) e dirigente di una società del gruppo (la Immobiliare Idra). Grazie alla fortunata coincidenza, la favolosa villa con annessi e connessi viene pagata circa 500 milioni dell'epoca: un prezzo irrisorio. E, per giunta, non in denaro frusciante, ma in azioni di alcune società immobiliari non quotate in borse, così che, quando la ragazza si trasferisce in Brasile e tenta di monetizzare i titoli, si ritrova con una carrettate di carta. A quel punto, Previti e Berlusconi offrono di ricomprare le azioni, ma alla metà del prezzo inizialmente pattuito. Una sentenza del Tribunale di Roma, nel 2000, ha assolto gli autori del libro "Gli affari del presidente", che raccontava l'imbarazzante transazione.

Casa dolce casa. Chissà perchè stanno facendo pace....
Haldeyde

1 commento:

SCIUSCIA ha detto...

LoL bellissima